Fenomenologia dell’amore

12,00 €
Quantità

Apre l’antologia un excerptum tratto dal poema didascalico Giardino delle Grazie di Kesarios Dapontes che trae dal ricchissimo patrimonio mitologico e novellistico della Grecia antica alcune storie di “amori strani”: di esseri umani nei confronti di statue, oggetti o animali, di animali nei confronti di esseri umani e viceversa.

Il secondo testo, chiamato dai filologi Anonimo del 1789, è considerato il primo testo neogreco in prosa d’arte, nato nella temperie culturale dell’Illuminismo neogreco, come ci dimostrano i riferimenti e Voltaire e Diderot, e la licenziosità dello stile, inusuale persino per l’Europa occidentale del tempo.

A finire Il Bacio, testo di una conferenza tenuta dal linguista Jannis Psicharis ad Atene nel 1893. Il testo, di grande originalità e acume, si muove con disinvoltura tra 25 secoli di cultura europea, dai tragici della Grecia antica fino a Baudelaire passando per Catullo, Tibullo, l’Antologia Palatina e Dante. Questa ricerca, o fenomenologia del bacio, diventa così anche un affascinante viaggio nella cultura europea.

49 Articoli

Scheda tecnica

Autore
Anonimo - Daponte - Psicharis
Pagine
92
ISBN
978-618-82656-3-9
Collana
Il Faliro
Lingua
italiano
Numero della serie
05